lunedì 5 marzo 2012

IL MUSEO DI STORIA NATURALE ovvero SUGLI ANIMALI

Premesso che sono stata scollegata causa Fastweb. E dunque ho perso pezzi, leggo solo ora storie, ho perso commenti....
Ma a parte questo... continuo a stare. Perdura la situazione e questo mi rende serena.

Venerdì pomeriggio i quasi ventidue gradi ci hanno portato dalle nostre vicine di casa, le capre.


Poi un saluto ai cavalli e infine agli asini.
Ecco, appunto. Gli asini. Mai nome più appropriato no?
A parte che a me tutta sta poesia sugli asini proprio.... Cioè sono stupidi no? Sì sono metafora di semplicità, di povertà anche. Ma che cavolo... mi hanno giocato un brutto scherzo.
Mentre io ero tranquillamente seduta a bermi il sole e i duedue erano appunto dagli asini, sento un urlo straziante.
Ommamma!!! Questo è il Due, sì, lo so è lui che urla! Lui gli ha dato da mangiare e l'asino gli ha preso il braccio, ommamma devo correre... e l'urlo acuto continuava a me sembravano minuti ma erano secondi, pochi pochissimi. Quelli che occorrono a una persona per scattare, scivolare da una rivetta e schiantarsi planando sulla ghiaietta. Rialzarsi e vedere due bambini con gli occhi sbarrati che ti osservano. I tuoi figli.
"Mamma quanto sangue". Le mie mani!!!!
"Ti porto io lo zaino mamma"
"Ma perché hai fatto così?"
Che fare? Dire loro del maledetto asino, ingiuriarlo perché non è così che si raglia, perché io vengo comunque dal centro eccheccavolo.
Sì, dire tutto.
Nonono bambini. Tutto a posto!
Ma quanto cavolo fanno male le abrasioni da ghiaietto???


Non vi faccio vedere i palmi delle mani perché sono un po' bruttini da vedere...

Ma tant'è... siamo andati a vedere gli animali da quando sono nati fino a ora al Museo di Storia Naturale di Milano.
Abbiamo visto ossa e ossicini, minerali, dinosauri....


E poi animali imbalsamati, di tutti i tipi. Tanti, tantissimi, anche l'asino. E non diceva la targhetta che raglia come il mio secondo figlio, ma me lo sono fatto andar bene lo stesso.
E' stato divertente e le ricostruzioni sono ottime. Mi ricordavo un museo impolverato, con le ragnatele tra le corna e invece è tutt'altro.

Guardare gli animali da vicino e conoscerli bene. Questo il mio prossimo passo.






6 commenti:

  1. la sbucciatura da ghiaietto è proprio una cosa da bimba. fa un male cane ma è una cosa tenera. no eh? va bene, scendo dalle galassie, è lunedì.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tenera è tenera eh.... ma quanto brucia?!

      Elimina
  2. Qui a Lugano c'é un piccolo museo di storia naturale, metà preferita di mia figlia tredicenne (più della disco), poi durante una delle nostre gite a Milano, la sedicenne ha una passione per l'arte in generale e Leonardo da Vinci in particolare, abbiamo fatto tappa al museo di storia naturale, che abbiamo visto già tre volte, ma che sono sicura che visiteremo ancora.
    Hai già visto i film "Notte al museo" ?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, ecco "Notte al museo" certo che l'ho visto!!! E mi è piaciuto... chi non ha sognato in un museo che tutto prendesse vita?
      Quanto a quello di Lugano sarà la nostra prossima meta, lo metto in calendario. Grazie!!

      Elimina
  3. il pulce ci va tra un po'! regalo di compleanno: della nonna e del pulce! :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...